Vai direttamente ai contenuti della pagina

Istituzionale

Elenco siti tematici

Home > Sport / Sentieri / Sentiero dei Ciciu

Sentiero dei Ciciu

Il sentiero dei Ciciu

Dislivello: 300 m
Quota di partenza: 640 m
Quota più alta: 940 m
Tempo di percorrenza in salita: 1h 30min
Tempo di percorrenza totale: 2h 15min

Percorribilità: a piedi
Descrizione tecnica: nessuna difficoltà lungo il sentiero turistico e il percorso ginnico della riserva, adatti alle famiglie. Più impegnativo il ripido sentiero escursionistico sia in salita che in discesa; porre particolare attenzione alle lisce pietre in discesa, per evitare scivolate e cadute.

Solitamente chi visita i Ciciu del Villar trascura la deviazione del Percorso Ginnico che scende subito a destra appena varcato l'ingresso della Riserva, sotto i giochi per i bambini. 
Il sentiero si inoltra in una piccola valletta che ci porta alla base del corpo geomorfologico che ha generato i Ciciu: siamo sulle pendici meridionali di un conoide alluvionale, sulla quale sono crollati e scivolati i grossi massi di gneiss occhiadino che oggi formano il cappello sommitale acquitrinosa di Villar, è interessante notare come la conoide sia scavata da una miriade di canali, gli stessi che hanno eroso i Ciciu. Il Percorso Ginnico in una decina di minuti attraversa questo particolare ambiente, passando in boschi misti di castagno, quercia, frassino e acero, con proliferazione di robinia, sambuco e nocciolo nelle incisioni vallive, più fresche e umide. Rientrati sul sentiero della Riserva, conviene svoltare subito a sinistra e poi a destra, risalendo la radura di un antico cultivar di meli, peri, noci, ciliegi, fichi e cachi.. 
Da qui ci si immerge nel magico mondo dei Ciciu, in un bosco a prevalenza di querce, castagni e ciliegi, invaso dalla robinia nelle conche, con sottobosco di brugo, ginestra, felci, ginepri e rosa canina, tipica associazione di versante caldo, soleggiato ed arido su substrato acido (rocce silicee di gneiss e micascisti). L'ambiente è decisamente suggestivo, e conviene percorrere il tratto ad anello del Sentiero Turistico che passa al gruppo della Torre (alto oltre 10m) e ricongiungersi poi in alto al Sentiero Escursionistico. Questo è un sentiero con grado di difficoltà superiore dovuta alla pendenza costante con cui arriva ai confini superiori della Riserva, ma che rappresenta un bell'esempio didattico dei microambienti del bosco che influenzano la distribuzione della vegetazione. 
Macchie di pino silvestre e pioppo tremolo si incuneano nella solita associazione quercia-castagno-ciliegio-frassino-robinia; nella salita il sottobosco, sempre ricoperto da una coltre di rovi striscianti, si arricchisce di felci che occupano intere radure. Nella parte più alta i pioppi tremuli già lasciano intravvedere i primi gruppi di betulle: esse domineranno insieme ai larici e al pino silvestre la fascia superiore del bosco, come si può consultare negli itinerari 2 e 3, ai quali il nostro sentiero si congiunge con breve deviazione a destra (indicazioni per Liretta e Rivoira). 
La via del rientro è inizialmente pianeggiante e in un bel bosco umido: qui si costeggia la parte alta della conoide, sospesi sul salto che presto scenderà fra grandi blocchi di roccia, pini silvestri e addirittura una macchia di larici, fino al Centro Visite.

Sentiero dei Ciciu

^
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini statistici, pubblicitari e operativi, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’ uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy. Per saperne di più e per impostare le tue preferenze vai alla sezione: Privacy Policy

×